Comunicati

Alluvione 2014, non luogo a procedere per il sindaco Pizzarotti. Salzano (EP): “La giustizia ci dà ragione: ora andiamo avanti”

Dopo quasi cinque anni il Tribunale di Parma conferma quanto da noi sempre sostenuto. Durante l’alluvione del 13 ottobre 2014 è stato fatto tutto quanto possibile. Non luogo a procedere, quindi, nei confronti del sindaco Federico Pizzarotti.

Quel giorno chi doveva ha agito limitando ulteriori e possibili danni. Viene confermata la buona fede e l’azione concreta di chi ha gestito l’emergenza. Nonostante gli attacchi e le accuse al nostro sindaco da parte delle forze di minoranza di allora, la città tutta e l’amministrazione si sono rimboccate le maniche per pulire da fiumi di fango le strade e le case. Non ci dimenticheremo mai quei giorni di fatica e frustrazione ma oggi li ricordiamo per quello che è stato: una calamità naturale che noi tutti abbiamo affrontato senza scoraggiarci. Lo dimostrano le centinaia di persone, tra cui tantissimi giovani, che hanno ripulito la città: gli angeli del fango, gli operatori comunali e della protezione civile che in quelle ore e nei giorni successivi non hanno mai smesso di lavorare per risollevare Parma.

Non ci siamo fermati all’emergenza del momento, ma in questi anni abbiamo lavorato e mantenuto alta l’attenzione per gestire e prevenire le emergenze del domani.  Siamo infatti in pieno iter per la realizzazione della Cassa di Espansione sul Baganza che tutelerà la nostra città e tutti i comuni dal rischio nuove alluvioni.

Si chiude così un altro capitolo di accuse nei confronti di Federico Pizzarotti.  Ora guardiamo avanti.

Previous ArticleNext Article